Catasto

Funzioni per la gestione delle operazioni catastali

  • Lettura dati da Stazione Totale e GPS
  • Gestione libretto di campagna
  • Gestione immagini e mappe d'impianto
  • Preparazione del rilievo
  • Stesura della proposta di aggiornamento
  • Compilazione assistita del database censuario
  • Invio diretto a Pregeo
Il video come redare una proposta in Leobardo XE
#

Elaborazione di una procedura catastale

Il libretto Pregeo elaborato in Leonardo XE Compilazione automatica del database censuario

E' possibile produrre un autoallestito effettuando la digitalizzazione di una immagine, per poi procedere alla stesura della proposta di aggiornamento ed alla compilazione del database censuario; quest'ultima operazione può avvenire anche grazie a macro ultrarapide che operano nei modi previsti da ciascuna delle tipologie di aggiornamento previste da Pregeo 10.6.

La verifica sul rilievo viene effettuata mediante il controllo degli errori sulla rototraslazione con le coordinate fiduciali e tramite il confronto delle distanze misurate con le tabelle fornite dal catasto (DIS) e scaricabili automaticamente dal sito dell'Agenzia del territorio.

Tutto il lavoro eseguito sul rilievo può essere inviato direttamente a Pregeo 10.6, pronto perché sia effettuata esclusivamente la "predisposizione atto di aggiornamento per la presentazione all'Ufficio". In alternativa è sempre possibile salvare tutti i dati elaborati su file in formato DAT, compatibile con Pregeo 10.6.

Gestione immagini raster

Leonardo XE consente l'importazione di immagini nei formati grafici più diffusi (JPG, GIF, PNG, TIFF): le immagini possono essere usate sia come sfondo, sia come base dati per successive elaborazioni.

È possibile gestire immagini già georeferenziate o georeferenziarle all'interno del CAD: in questo caso sarà possibile salvare contemporaneamente all’immagine elaborata anche i dati di georeferenziazione, creando il relativo file numerico associato a quello grafico (JPW, TFW, ecc.), potendo quindi riutilizzare in altri lavori la stessa immagine e i relativi parametri già calcolati.

Raddrizzamento

Sulle immagini caricate in può essere eseguito un raddrizzamento facendo uso di linee cadenti verticali ed orizzontali oppure mediante tre o quattro punti omologhi. Sulle immagini di carte che presentano deformazioni non compensabili con la georeferenziazione standard è possibile applicare una speciale funzione di correzione grafica, particolarmente indicata per il trattamento delle mappe di impianto (o di immagini equivalenti): la funzione di correzione produce una nuova mappa priva di deformazioni lasciando l’originale inalterato.

La sovrapposizione di mappe è favorita da una completa gestione della trasparenza delle immagini, che permette di risolvere facilmente il problema delle immagini sovrapposte. La trasparenza è regolabile attraverso quattro modalità differenti: globale (applica lo stesso valore su tutta l’immagine), per colore, per luminosità o grazie al canale di trasparenza alpha dell'immagine originale.